MURATA GIOVANI

L'Associazione Murata Giovani nasce nel 2002 all'interno del Teatro della Murata, dal desiderio degli allievi dei corsi di teatro e danza, diretti da Matilde Tudori, di convogliare energie e passione in un percorso artistico professionale dedicato sopratutto al Teatro, inteso come strumento di crescita, di integrazione e di impegno civico. È su questa strada che prendono il via le numerose produzioni di Teatro per l'Infanzia, di Teatro di Integrazione - che vede la realizzazione di spettacoli di teatro danza con l'inserimento di danzatori diversamente abili - e l'attività di teatro nei paesi della ex Jugoslavia.

Noi desideriamo che il teatro sia un luogo di rivelazione e di intensità. Vogliamo che testimoni l’esistenza di un’anima non importa se laica o religiosa, e che quest’anima sveli nella rappresentazione le sue infinite possibilità di gioco, di conoscenza, di donazione, di mutamento. La specie umana è mutabile, è mutante: il teatro lo prova… un buon attore, una buona attrice sono la prova vivente che non siamo né morti, né inchiodati alla vita: che siamo in viaggio, che lo sono la nostra mente e il nostro corpo

IL TEATRO DEI RAGAZZI

GIOCHIAMO AL TEATRO

La fascia d’età va dagli 8 ai 10 anni.
Essenzialmente una proposta di gioco dentro lo spazio magico del teatro. Abbiamo voluto superare la specificità delle tante attività rivolte ai bambini, già piccoli specialisti in età precoce, ed offrire invece un’esperienza collettiva di creatività in uno spazio comunque non esente da regole, quale appunto lo spazio teatrale.
SPERIMENTARE: il corpo - la voce - i ritmi - lo spazio
IMMAGINARE: un oggetto - una sensazione - un’emozione - un ricordo
ASCOLTARE: una storia
RAPPRESENTARE: tutto ciò che abbiamo sperimentato, immaginato, ascoltato, ora lo rappresentiamo scoprendo il gioco del teatro e le sue regole.

CRESCERE CON IL TEATRO

Linee base: IDENTITÀ - CREATIVITÀ - CORALITÀ
Il Teatro per adolescenti può e deve rappresentare un’esperienza importante, varia e formativa. Ma quale TEATRO? Soprattutto un teatro che risponda ai bisogni profondi della loro età: l’età della crescita, del cambiamento, del confronto sociale, del confronto col mondo culturale e “sottoculturale” che li circonda.
Un Teatro dunque, che si cali nel vissuto dei ragazzi, un Teatro che li aiuti ad elaborare una coscienza critica verso il mondo; distanziare nella messa in scena i fenomeni e le problematiche, aiuta a comprendere gli uni e a superare le altre.
Un teatro che aiuti a scoprire se stessi e in questa scoperta di IDENTITÀ a trovare una propria collocazione sociale, rispondendo a quell’esigenza, precedente a qualsiasi fatto teatrale, che è l’esigenza di espressività e di comunicazione, propria di tutti gli individui e di sperimentare con la protezione del fatto drammatico, le maschere individuali e collettive.
Guida di tutto questo percorso deve essere la CREATIVITÀ intesa come linguaggio personale che si fa strada tra le regole e la tradizione della messa in scena teatrale.
Studio quindi delle modalità espressive tradizionali del teatro, ma anche ricerca di modalità espressive nuove, personali, che coinvolgano la voce, il corpo, i ritmi, la spazialità, l’uso della parola, rinnovati, reinventati dalla propria energia e fantasia. A legare tutto questo e a darle forza espressiva una terza importante parola: CORALITÀ.
Il TEATRO è una grande esperienza comune, un gioco di squadra, in cui ognuno impegna se stesso per un evento che ci lega gli uni agli altri. Tutto questo fa del Teatro per Ragazzi un grande momento “ricreativo” nel senso etimologico del termine: ricreare la realtà. E se in una fascia di età precedente questo pertiene unicamente al gioco, dobbiamo auspicare che per i ragazzi questo pertenga oltre che al gioco, alla cultura e all’etica.

TEATRO E DISABILITÀ

La Compagnia Murata Giovani opera in collaborazione con ANFASS sez. di Mestre per promuovere un Teatro di integrazione. Un percorso didattico specifico e accurato ha permesso la formazione di giovani danzatori portatori di handicap e ha portato al loro inserimento nella Compagnia.
Sotto la direzione artistica di Matilde Tudori sono stati prodotti spettacoli che vedono sul palco danzatori e attori normodotati e diversamente abili interagire con uguale dignità artistica.

Gli spettacoli integrati prodotti e circuitati sono: IL DRAGO KOMODO - LA GUERRA DEI COLORI - ALL’OMBRA DELLA LUNA - IL GIARDINO - SPIAGGE - MESTROPOLIS - IL VIAGGIO - MAGIE VENEZIANE - LA NEBBIA TRA GLI ABETI - BIANCO E NERO UNA FAVOLA METROPOLITANA - L’UOMO ALBERO - LETTERE D’AMORE – INCONTRAMI

La Compagnia vanta numerose partecipazioni a Festival e Rassegne in Italia e all’estero (Germania, Francia, Spagna). È stata ospite dell’Academy Isola Danza della Biennale di Venezia, diretta da Carolyn Carlson, per un’esperienza di lavoro integrato con i danzatori dell’Accademia e ha creato, per i Giardini della Biennale di Venezia d’Arte Figurativa, la performance L’ARTE CHE APRE I CANCELLI.
L’attività privilegiata dalla Compagnia è comunque la circuitazione degli spettacoli per le Scuole primarie e secondarie e la promozione della propria attività attraverso laboratori didattici integrati.



Riflessione generale su TEATRO E DISABILITÀ

“L’ABILITÀ NEGATA”
di Matilde Tudori

L’handicap è innanzitutto un destino sociale e come tale ha un posto ben designato nella scala dei valori o disvalori sociali, non è considerato una malattia e non gode pertanto del rispetto della privacy e del diritto alla non menzione. Anche se in termini giuridici tutto questo è stato riconosciuto, in termini quotidiani un portatore di handicap attrae su di sé il sigillo, nella migliore delle ipotesi, di essere riconosciuto per essere inserito.

Il “disabile”, etichetta sgradita a chi scrive, serve innanzitutto a rassicurare in termini sociali la presunta “normalità”, in realtà, l’aberrazione di questo termine fa sì che venga negata, ad una persona così etichettata, una qualsiasi abilità e fa di un incidente o di una malattia un’etichetta totalizzante.

L’Arte, a parer nostro, presuppone quella libertà di non essere riconosciuto, additato, incasellato secondo delle norme standardizzate; nel linguaggio artistico la produzione di senso è al di là delle norme ed è proprio grazie all’Arte che noi esploriamo la nostra (a)normalità in senso positivo e produttivo per la Persona e troviamo in colui che vogliamo etichettare solo l’“altro da noi” che è anche la nostra parte più sconosciuta, più profonda e dentro la quale dobbiamo imparare a cercare la nostra ricchezza.

Il cammino per l’inserimento di ragazzi diversamente abili nella Compagnia Murata Giovani è stato una continua sfida e una continua vittoria. Un percorso che ha dato nuovo senso al lavoro della Compagnia, nuovi stimoli e soddisfazioni e soprattutto una nuova identità a ciascun componente. Non più artisti abili o non abili, ma solo artisti alla ricerca di un senso altro dell’arte. Ciascuno ha intrapreso un viaggio nelle proprie imperfezioni per capirle, condividerle, superarle o accettarle, esaltarle anche e mai nasconderle perché queste, più di tutto, parlano profondamente della nostra anima.

DANZA CONTEMPORANEA

L'Ecole Française de Danse Contemporaine de Paris è la nostra ascendenza formativa: Jerôme Andrews, Dominique Dupuis, Roger Ribes, unita alla Contact Improvisation di Alito Alessi è diventato il nostro stile. Uno stile fruibile da più prospettive, ma sempre nella direzione del "risveglio corporeo" verso la massima possibilità espressiva, dove la tecnica non è un punto d'arrivo ma un punto di partenza fondamentale, una fatica giornaliera imprescindibile per raggiungere quella linea sottile e lucente dove il gesto comunica dal profondo una verità altrimenti indicibile.
Invade, la nostra danza, tutti gli spettacoli teatrali della Compagnia ad approfondire i temi, le atmosfere, quel luogo della parola che a volte non riesce ad ancorarsi al reale perché il Teatro è corpo, la voce è corpo e il corpo nella sua essenza è Danza.

STAGE

stage YT

STAGE CON YUTAKA TAKEI

Quest'anno abbiamo chiesto a Yutaka Takei uno Stage incentrato sulla totalità espressiva del corpo, non propriamente sulla danza contemporanea. La partecipazione era pertanto aperta anche ad attori e a persone interessate al lavoro sul corpo in altri ambiti.
leggi la scheda ...

IMMAGINI

INFO E CONTATTI

CORSI DI TEATRO DANZA E DISABILITÀ: Palestra Silvio Pellico - via Andrea Costa 38 | lunedì e giovedì 17.00 - 19.00

CORSI DI TEATRO PER BAMBINI E ADOLESCENTI: Calle del Gambero 16 | martedì e venerdì 15.00 - 19.00

CORSI DI DANZA CONTEMPORANEA: Palestra Silvio Pellico - via Andrea Costa 38 | lunedì e giovedì 19.00 - 21.00


Contattaci per ricevere ulteriori informazioni sui corsi e sulle attività!
MURATA GIOVANI
calle del Gambero 16 - 30174 Mestre
340.00 53 547 | info@muratagiovani.it